RAIDUE, DOVE HAI MESSO "DESPERATE HOUSEWIVES 2" E "EVERYBODY HATES CHRIS"?


Ho imparato che non bisogna dare troppo retta al palinsesto autunnale di Raidue. Al telespettatore non è più richiesto di pregustarsi, con dovuto anticipo, le prelibatezze catodiche che l’azienda servirà al pubblico ad ogni cambio d’abito, ma di abituarsi al mutevole cambiamento. Di cui Mediaset è regina indiscussa. Benchè in Rai stiano cercando, direi con un modesto successo, di non abbandonarsi a rivoluzioni di palinsesto – dico "modesto" perchè i programmatori hanno già fatto traslocare Alba Parietti e le vacche del West al martedì sera e probabilmente, se c’hanno preso gusto, continueranno ad agitare le acque della programmazione -, rispetto a quanto preannunciato a maggio manca un paio di cosette. Ok, d’accordo che ciò su cui si fa affidamento è la presentazione del palinsesto ufficiale della rete, ma all’appello sono misteriosamente scomparsi due prodotti succulenti. Due telefilm. Sì, quella roba brutta, sporca e puzzolente. Che finalmente si fa spazio nella giungla sovrana dell’Auditel.

Non risponde ancora al citofono la seconda serie di Desperate Housewives. Su RaiDue doveva essere partita lunedì 11 settembre, e invece le cinque casalinghe di Wisteria Lane sono improvvisamente e misteriosamente scomparse dalla circolazione. Terminate, a fine estate, le repliche a pacchi da tre degli episodi della prima stagione, con ascolti miseri e trattamento superficiale, i fans del telefilm importato dall’americana ABC hanno vissuto con trepidazione l’avvento della seconda stagione. Che tuttora latita. Sembra che Desperate riemerga in video a novembre, sempre prima della dodicesima stagione di ER, prevista per dicembre. Nulla vi è di confermato, e d’altronde quando mai. RaiDue ha preferito anticipare Criminal Minds, mandandolo allegramente al macero al venerdì sera, mentre punta alla sorpresa Navy N.C.I.S., che insieme all’irritante Dr. House si distingue come portacolori dei telefilm nella tv generalista.

Dicono che invece sia ancora rinchiuso in bagno ed eviti di rispondere al campanello il telefilm Everybody Hates Chris, già servito a maggio su Paramount Comedy (naturalmente sul satellite via Sky, cosa credevate) e in attesa di venire alla luce su RaiDue. In questo caso, pare proprio che non ci siano sviluppi in tempi brevi. L’originale sit-com, che avrebbe dovuto illuminare il preserale di RaiDue ad ottobre, sembra ora misteriosamente sparita dai palinsesti Rai. Sicuramente, nulla di nuovo fino a dicembre, anche perchè ora il preserale è nelle mani dei reality. Probabilmente se ne riparlerà in primavera.

Per il resto? Antonio Marano ha già avvertito che ritornerà Lost, la prima serie naturalmente, al sabato pomeriggio in replica alle 18, per dar vita poi ad un proseguimento di Isola e Wild West. Gli altri telefilm ancora sono nel limbo. Per lo stroncato Numb3rs, il futuro potrebbe essere roseo: se c’è qualcuno in Paradiso, potrebbe rimaterializzarsi a dicembre. Nei primi mesi del 2007 dovrebbe esordire invece l’atteso Supernatural, mentre nessuno dà notizie di Weeds, l’irriverente serie della tv via cavo HBO che in America ha già sbancato e che si diceva che la Rai avesse da tempo acquisito i diritti. Ma in questo caso non c’è da stupirsi: visto che il contenuto è particolarmente forte e "ineducato", già impacchettato per spedirlo a casa del Moige, in questo caso c’è un succulento pretesto per bloccarne la visione.

Annunci

6 responses to “RAIDUE, DOVE HAI MESSO "DESPERATE HOUSEWIVES 2" E "EVERYBODY HATES CHRIS"?”

  1. sakai says :

    ho letto da qualche parte che
    desperate housewives seconda
    stagione partirà a dicembre, ovviamente
    mi riferisco a raidue…
    …squallidissimo trattamento!

  2. sbirciolo says :

    Desperate Housewives si dovrebbe configurare come serie di punta di RaiDue, invece credo proprio che non lo sarà. Sia per gli ascolti della prima serie, sia per quelli della replica, sia per il minor mordente della seconda serie. Senza contare naturalmente la controprogrammazione.
    Stesso discorso vale per Grey’s Anatomy, che arriverà a dicembre su Italia 1. Mi chiedo il perchè di piazzamenti in palinsesto a ridosso delle festività…

  3. sakai says :

    mah, sinceramente tutto il clamore
    per i numerosi flop di stagione,
    aggiunti ai risultati scarsi che alcuni telefilm
    stupendi raggiungono sulle reti
    generaliste,
    mi danno da pensare circa il futuro
    della tv: indubbiamente satellitare.
    FORTUNATAMENTE.

  4. sbirciolo says :

    Tutto sommato, neppure il satellite offre chissà che cosa. Ha i telefilm, ha i film, ha lo sport in esclusiva. Per il resto, non mancano i reality (Sky Vivo è un’officina per il genere). Quale può essere allora la chiave del successo? Il gustarsi il tutto in anteprima? La regolarità allucinante della programmazione, supportata dall’uso della replica non come tappabuchi può essere un elemento non di poco conto.

  5. sakai says :

    non offre chissà cosa? 😀
    …stai scherzando vero!?!

    …il satellite offre tutto per tutti!
    c’è il telefilm come il reality,
    c’è la sicurezza di poter seguire
    prodotti “interi”, senza palinsesti
    assurdi, ci sono anteprime, film
    senza spot, sport… e perfino
    i canali che funzionano con palinsesti
    modulari a ore sono più interessanti
    di raidue o raiuno ormai…

  6. sbirciolo says :

    Da questo punto di vista, non ti contraddico. La regolarità è uno dei punti più forti del satellite.
    Sulla pubblicità, ti appunto la marea di spot che attanagliano i telefilm. Davvero eccessiva.
    Per il resto, la programmazione è abbastanza scontata perchè tematica. Certo, ci sono i film in prima visione, ci sono i telefilm appena sbarcati e da scartare, c’è la possibilità di evitare il videoregistratore recuperando programmi grazie alla replica.
    Ma se guardiamo alle novità, alle innovazioni di format, cosa ti viene in mente? Il grande varietà non è certo ad appannaggio della tv satellitare – beninteso, non sto esprimendo giudizi di valore. Visto che dovrebbe essere allora curato dalla tv generalista, è sintomatico che in quella stessa tv il pubblico decida di non segurlo. E di preferire invece prodotti da satellite come telefilm, mentre invece non disdegna la grande fiction (vedi Falcone).
    E’ una dinamica ancora tutta da studiare e da analizzare…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: