BOOM DELLE SOAP OPERAS TEDESCHE IN TV: DOPO REALITY E SITCOM, E' UN NUOVO AFFOLLAMENTO


Dopo la moltiplicazione di reality-show, dopo la fermentazione prolifica di sitcom a camera fissa (di cui l’ultima, in ordine di tempo, parte stasera, Colpi Di Sole, auguri), ecco ora la diffusione sterminata delle soap operas. All’inizio fu Canale 5, prima con Vivere, poi con Centovetrine, che la spodestò dalla collocazione pomeridiana; seguì, arrancando, RaiUno, nella fascia del dopo-pranzo che l’ha visto sempre soccombere, anche con il tentativo fallito di Sottocasa. Esulando Rete 4, da sempre tradizionalmente madrina del filone sudamericano del genere, anche le reti ammiraglie Rai e Mediaset si sono interessate al genere che, per motivi alquanto sconosciuti, improvvisamente è divenuto materia di forte interesse (semplice questione di tappabuchi?). Se RaiUno ha voluto emulare il competitor Canale 5 finendo bastonato, la rete regina di Mediaset ha invece proseguito con successo nella strada già segnata dai due prodotti Endemol che seguono a ruota Beautiful, sfoderando l’estate scorsa una soap tedesca, Tempesta D’Amore (foto), che aveva il brillante compito di sostituire Maria De Filippi durante la latitanza dei tronisti. Aspettative minime, ed improvviso successo, tale da meritare la promozione in autunno e addirittura da scalzare il deludente Maurizio Costanzo con Buon Pomeriggio.

Come al solito, quando un prodotto sorprendentemente funziona, ecco che tutti vi si tuffano. Canale 5 capisce con merito che le soap tedesche tirano, e allora in primavera esordisce Cuori Tra Le Nuvole, che gode del traino di Tempesta D’Amore, nonostante ascolti non eccelsi – e intanto la rete di Massimo Donelli scodella ben cinque soap al giorno, di cui tre consecutive, impresa riuscita soltanto a Rete 4, e la tendenza a seguirne le orme è sempre intensa. Nessuno, giustamente, si pone il problema se delle soap vi sia ora un sovraffollamento.  Perchè è della partita anche RaiUno – e d’altronde, come non potrebbe? – scottato dalla delusione di Sottocasa e non soddisfatto completamente dai risultati modesti di Incantesimo. Del Noce ha dato l’ok per Julia (locandina), ennesima soap tedesca (trasmessa tra il 2005 e il 2006 dal canale ZDF) dalle venature melodrammatiche, che tenterà di nuovo l’ardua missione dopo il TG1 delle 13.30, sfidando il tris di Canale 5, che non si limita a mantenere il duetto Beautiful-Centovetrine, ma che irrobustisce la sua corrazzata con l’arrivo di Vivere, che si sposterà dalle 12.30 per sostituire per un’ora Uomini & Donne. Bene, non vi pare che tutte queste soap siano un po’ troppe?

I più arguti sostengono che le produzioni europee, specialmente tedesche, traggono il proprio successo (indiscutibile?) dalla contestualizzazione sociale delle proprie storie, più a misura nazionale.  I più scettici si aggrappano alla solita recitazione mediocre – forse voluta – che connota insitamente il genere, senza distinzioni di culture e nazionalità. Però questi prodotti funzionano, e allora eccoteli spuntare ovunque, ed è inutile negare che spesso si trovino a raccattare gli spazi più improbi del palinsesto, tra spostamenti raffazzonati e allungamento di puntate per coprire i tempi morti. Tempesta D’Amore è stata sballottata per tutto il pomeriggio di Canale 5, e anche Cuori Tra Le Nuvole ha subito le solite vessazioni. Ma nonostante gli spostamenti improvvisi, il pubblico non è mancato. La buona insofferenza ai maltrattamenti irrobustisce il valore di queste soap opera, stuzzicando così le più astruse procedure di raccolta format e ideazione di nuove. RaiTre ha sempre la fida Un Posto Al Sole, con il solito spin-off estivo, e intanto attende la prima soap siciliana, Agrodolce: 50 puntate da esibire a tarda estate, per le quali Rai Fiction ha sborsato 5 milioni di euro (Saccà ha il portafoglio bucato, Rome costò un tesoretto e i risultati furono scarsissimi). Se ne parlava da tempo ed ora pare in fase di realizzazione.

Di fronte all’avanzata delle soap opera tedesche, e ai tentativi italiani, timidi, coraggiosi o soddisfacenti, di sfoderare succose telenovele, abbiamo perso di vista le produzioni sudamericane, che negli anni ’80-’90 proliferavano con virulenza, insediandosi anche da noi. Improvvisamente sono sparite dalle attenzioni dei media, snobbate dopo un lungo corso. Sarebbe davvero interessante sapere cosa ne pensino i brasiliani, una volta appreso che i loro amori e tradimenti sceneggiati, perlomeno in Italia, stanno lentamente perdendo colpi.

Annunci

One response to “BOOM DELLE SOAP OPERAS TEDESCHE IN TV: DOPO REALITY E SITCOM, E' UN NUOVO AFFOLLAMENTO”

  1. anonimo says :

    senza neanche avvertirci sospendono il 14 settembre JULIA.
    IL RISPETTO PER I TELESPETTAORI NON ESISTE..IN QUANTO A NOI STA BENE TUTTO CIO’ CHE DECIDE LA RAI..
    MI SAPETE DIRE DOVE TROVO LA TRAMA??? GRAZIE RITA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: