FABIO CANINO SI SFOGA DOPO IL FLOP 'VOTANTONIO': FRECCIATE A SCOPPIO RITARDATO


Finisce la stagione televisiva, si salutano i periodi di garanzia, l’Auditel se la smette di farci impazzire. E tutti possono stare più tranquilli. Anche quando si tratta di recriminare, di lanciare frecciate al vetriolo, di tampinare prontamente buchi nell’acqua con toppe burrose, scacciando demeriti e anzi approfondendo le ingiustizie. Fabio Canino parla solo ora: una digestione lunghissima, quella dovuta alla metabolizzazione del procace flop Votantonio, gara tra fantapolitici che su RaiDue ha sbalordito tutti, per un ascolto misero ed ovviamente infelice. Canino si era naturalmente piegato alle volontà nefaste della direzione, abbandonò il programma piuttosto che finirci naufragato, però nessuna polemica. Ma ora i sassolini nella scarpa sono diventati urticanti mattoncini, ed è venuta l’ora di disfarsene senza ritorsioni.

«E’ stato un mio errore, ma ricomincerò -esordisce Canino a Liberoio mi assumo la responsabilità perchè ci ho messo la faccia, forse neppure avrei dovuto accettare di condurre il programma, dovevo essere più severo con me stesso». Una dichiarazione destabilizzante, che sembra alludere ad una conduzione controvoglia di un programma mostratosi come pomposo, salvo poi accartocciarsi inavvertitamente dopo aver inarcato con successo il primo sbadiglio. «Le amministrative non hanno giovato: fare un programma senza politici, quando il format originale si basa sulla presenza di politici veri, è difficile» tenta di giustificarsi l’estroso conduttore, muovendo con abilità una delle pedine su cui spesso agiscono i critici televisivi, ovvero quella del rispetto del format originale. Può essere che la presenza dei politici avrebbe potuto rallegrare gli animi delle poche anime che si sono sorbite Votantonio, però l’atmosfera generale di una trasmissione scanzonata, ma con la prua diretta all’inconsistenza di proposte e scaletta, rovinava qualsiasi tentativo positivo di riuscita. Al buon Fabio non sono mancati certo gli attestati di stima, anche perchè su Sky Show dirige con allegria un ironico e dissacrante telegiornale che ha ricevuto interessanti apprezzamenti, però in questo caso si passa sul satellite, una piattaforma «più moderna, sperimentale, dove si lavora velocemente, si parla subito con le persone che decidono, e loro hanno le idee chiare», rispetto al provincialismo ormai stucchevole delle generaliste Rai e Mediaset, in cui spesso dominano logiche partitiche/politiche anche per uno che «non è a destra nè a sinistra, anzi io che non so certo di destra, non sono mai stato supportato dalla sinistra».

Ma le dinamiche squadriste lasciano il tempo che trovano, anche se quello che lasciano è piuttosto corposetto. In molti si chiedono, non a caso, perchè Canino abbia abbandonato Mediaset, la stessa che gli chiuse però senza clamore Cronache Marziane. «Non c’erano proposte adatte a me – mette le mani avanti Fabio – non ho certo lasciato Mediaset sbattendo la porta. Però "Cronache" è stato chiuso nonostante andasse benissimo, anzi forse per quello». Insinuazione corrosiva, certo, anche se quel talk-show da tarda notte, pur riscuotendo ascolti da pigliare come oro, era uno straboccante concentrato di trash di tutti i gusti, e non si può certo negare che la conduzione di Canino sia un pelino troppo strombazzante, specialmente in quei contesti dove straparlare senza freni è correttamente indicato dal copione. L’unica cosa che ora lo consola è di poter orgogliosamente irrobustire la hall of fame dei conduttori che hanno floppato a sorpresa in questa stagione. «Ho capito che un passo falso fa curriculum. Ho visto la mia foto sui giornali insieme a quella di Gianfranco Funari, Simona Ventura, Maria De Filippi. Insomma un bel parterre...», un belvedere che nasconde anche un qualcosa di drammatico, – ovvero, se sbagliano i grandi, perchè io no, ma loro rimangono grandi, e io? – insieme alla drammaticità dell’utilizzo di format che una volta tanto si disintegrano insieme alle solite aspettative che vogliono vincente a prescindere qualsiasi patacca piombi dall’esterno. Ma il peggio è realizzare malamente una patacca simil-vincente. Con buona pace di Canino, in questo siamo strepitosi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: