Archivio | stasera mi butto RSS for this section

GIGI SABANI BOCCIA CATERINA BALIVO. COM'E' BELLO SPARARE SENTENZE DA DISOCCUPATO ECCELLENTE

Non è questione di mera antipatia quella che attanaglia il sottoscritto alla visione di Caterina Balivo. Lo show che conduce con Biagio Izzo ogni martedì sera su RaiUno, Stasera Mi Butto, non è di una fattura encomiabile, anzi perfettamente tagliato sul tradizionale sbadiglio estivo di chi ha incidentato malamente qualche ora prima l’automobile e così non può scappare da casa. E’ il programma della consacrazione per Caterina, che non ha affatto perso tempo e staffe per cucirsi addosso la stoffa che si sente di meritarsi, scavalcando senza troppi onori la divenuta spalla Biagio Izzo, comico che anche solo per un’esperienza che sulla bilancia varrebbe qualcosina di più di servizi matrimoniali lanciati da una poltrona. La spalla designata, Massimiliano Ossini, se l’è svignata appena ha potuto, ma c’è anche chi a viso aperto la affronta, scrutando il tentativo della novella conduttrice di ritagliarsi il proprio spazio illuminato su Raiuno. C’è infatti un certo Gigi Sabani che dalle colonne del settimanale Di Tutto non sfodera alcuna remora nei confronti della showgirl, che guida una delle trasmissioni di punta dell’estate della prima rete Rai.  Una trasmissione, ammette Sabani, «lontana da quello che era la mia, che era solo dedicata agli imitatori. In questa edizione ci sono personaggi imbarazzanti. Non credo sia un grande successo». I numeri Auditel non sembrano in effetti tradirlo, visto che dall’esordio al terzo appuntamento (il quarto andrà in onda proprio stasera), Stasera Mi Butto ha perso quasi tre punti percentuali di share, passando dal 22,03% al 19,77%, mentre al diretto avversario, la replica (!) delle prime due stagioni di R.I.S. – Delitti Imperfetti proprio la settimana scorsa è riuscito il sorpasso, obiettivo che in verità pareva nettamente alla portata della fiction di successo di Canale 5. Ergo, a vedere le cifre, di motivi per esultare ce ne sarebbero poi, nonostante nel periodo estivo le menate vengano meno, i grattacapi scompaiono perchè non ci sono più pubblicitari davanti ai quali abbassare la testa, nè garanzie da difendere o conquistare. Però vedere uno show battuto da una fiction in replica la dice alquanto lunga sulla presa del pubblico del duo Balivo-Izzo.

E’ soprattutto la mora e napoletana Caterina ad attirare le critiche di Sabani, che senza mezzi termini emana una sonante bocciatura: «Caterina è bella e brava, ma ha un modo di fare la conduttrice non adatto a questo programma. La Rai dovrebbe utilizzarla per fare trasmissioni soft come Festa Italiana, non varietà». Proprio le trasmissioni dalle quali la Balivo partiva per spiccare un volenteroso salto in avanti. Ma è anche vero che è pressochè inutile fare confronti con assodati mostri sacri come Massimo Lopez o Pippo Franco, additati da Sabani come conduttori ideali per questa manifestazione. «Datela in mano a chi ci capisce di comicità» esorta Gigi, che non dimentica di ricordare che «questo programma è mio!», anche se l’aveva soltanto condotto qualche anno fa, prima di essere riposto in freezer. Il programma e lui. Perchè, diciamocela tutta, Gigi Sabani, dall’alto di una poco invidiabile assenza dal piccolo schermo, sta lanciando sentenze da eccellente disoccupato, lui che sarebbe l’ideale per RaiUno, «amato dalle famiglie, dalle vecchiette, e non dai teenager a vita bassa e che si fumano gli spinelli» – alè, un maestoso collage di banalità. Ad ogni modo, ce ne sono anche di disoccupati illustri che si stanno svenando per combinare qualcosa di nuovo da proporre a questa tv che delle novità ha il terrore più assoluto. E invece Sabani non si pone neppure il problema, anzi si loda pure affermando di godere ancora «di una tale popolarità che potrei anche non fare più la televisione». E, per la verità, non manca proprio a nessuno. Lui dice di non volersene stare proprio con le mani in mano: «Mi piacerebbe fare tv, ma non vado a cercarla. Ho progetti, ma chi ti ascolta? Bisogna aspettare che la ruota giri». Oppure che ci si metta d’impegno per girarla. Magari dando un improvviso scossone a quell’identità ormai colabrodo da imitatore perenne che lo ha progressivamente affossato. Poi però scopri che Gigi sta lavorando all’imitazione di Fabrizio Corona e Henry John Woodcock, e allora pensi che tutto sommato, quella là, Caterina Balivo, seppure acconciata come una Barbie appena uscita da ostetricia e col tacco avvelenato, non sia poi così malvagia.

Annunci

'STASERA MI BUTTO', E' SUBITO DIATRIBA TRA I CONDUTTORI. FUORI OSSINI, TOCCA ALLA COPPIA BALIVO & IZZO

Stasera Mi Butto… partirà martedì 26 giugno su RaiUno. E’ iniziata l’estate, la gente prende e parte, la televisione si adegua ad un esodo prolungato sfornando frivolezze a volontà, oltre naturalmente a dozzine di repliche per farcire con maggior completezza l’ennesima torta stantia. Ma le polemiche non sono certo andate in vacanza.  C’è una gara tra intrattenitori pronta a partire, ma intanto patron Del Noce ha buttato giù Massimiliano Ossini, dopo averlo candidato alla conduzione insieme alla napoletana Caterina Balivo, che ora si ritroverà a fianco il più esperto Biagio Izzo. Uno sgambetto ancora non ben identificato, prima mascherato da volontaria rinuncia proveniente dallo stesso interessato, poi palesatosi come diniego ufficiale giunto dall’alto. Ossini sarà al timone di Linea Verde anche nel periodo estivo, e così farebbe sapere che non ha certo voglia di spaccarsi la schiena in uno show che lo avrebbe dovuto lanciare su RaiUno.E d’altronde «Ossini è l’unico conduttore con meno di trent’anni a Raiuno, ha davanti a sé una lunga vita professionale», dice sornione Del Noce, scrollandosi di dosso micce pericolose di potenziali polemiche, rimarcando volentieri la dose, a scanso di irritanti equivoci: «L’idea iniziale della trasmissione è cambiata, e Izzo ci sembrava più adatto. D’altronde, è giusto che Raiuno pensi a un rinnovamento delle prime serate, ma due esordienti ci sembrava troppo: un fallimento è un problema sia per la rete che per chi ci mette la faccia, non è che i giovani si possono mandare al massacro». Bella idea, proporre volti nuovi e poi incredibilmente smentirli ad un passo dall’esordio. Ovviamente, è difficile avere stima di qualcuno senza che si misuri sul campo. Ma tant’è, dall’alto hanno deciso così.

Sorpresa, ma non troppo, Caterina Balivo, una che non è che propriamente brilli di spontaneità, dopo essersi accaparrata il pomeriggio di RaiUno – conduceva Festa Italiana, un impalpabile contenitore di storielle mielose da ispirare suicidi – e ora pure la prima serata. L’abbandono di Ossini non la rammarica più di tanto. «Girando gli spot eravamo già entrati in sintonia, peccato» esclama senza badarci più di tanto, anche perchè come jolly furbetto c’è la scusa di Linea Verde e l’alibi è salvo. In realtà, pare che la Balivo stia sogghignando con felicità per la caduta della candidatura di Ossini, un altro giovane a fianco sarebbe stato di troppo per una che aspira al sospirato salto di qualità.

Macchè spot e promo, insinuano i maligni, da sempre fonti pregiate per schizzare fango in maniera sublime. Pare che Caterina e Massimiliano non si sopportassero proprio. «Hanno litigato per motivi legati alla conduzione, non c’era spazio per due galli in un pollaio» sussurra qualcuno a DiPiùTV. Un pollaio troppo frizzante per essere gestito a sgomitate. Via Ossini, dunque, ma dentro un mare di dubbi e le solite immancabili insinuazioni, la cui comparsa è citofonata. Nessuno sapeva degli impegni di Ossini, tanto da prevederli in tempo per evitare questo penoso fraintendimento? I sorrisi di Ossini non erano sfuggiti agli addetti ai lavori, che avevano certificato l’entusiasmo del giovane conduttore che viene dalla scuola del Disney Club prima di esser forgiato definitivamente dal reality Notti Sul GhiaccioMilly Carlucci ha l’occhio lungo quando si tratta di esibire giovanotti di belle speranze. Speranze però freddamente disinnescate con l’abilità di un malandrino. «Inizialmente – spiega Del Noceavevamo pensato a Ossini perché volevamo puntare su due giovani conduttori, al loro esordio nel prime time, per una sperimentazione totale, ma poi abbiamo optato per un taglio diverso. La scelta di un comico al posto di un conduttore ci sembrava più adatta per uno show come ‘Stasera Mi Butto…’. E poi Izzo ha un maggiore bagaglio d’esperienza per affrontare una prima serata».  Peccato non averla fatta in tempo e senza scrupoli. Ma siamo abituati d’altronde a questi colpi da teatro. Il capostruttura De Andreis parla di separazione consensuale, ma mancherebbero i documenti del divorzio. E la Balivo non avvalla certo le tesi disfattiste: "Con Massimiliano avremo tempo per fare altri programmi insieme». Caterina si scrolla di dosso coltri minacciose. «Tra noi non ci sono stati dissapori, in realtà non avremmo avuto neppure il tempo di litigare». Nessuno screzio dunque, ma i dubbi rimangono e starà ora a Biagio Izzo spegnere i rimasugli ancora brulicanti delle polemiche.

In tutto questo marasma, non abbiamo ancora considerato l’effetto scouting. E’ l’ennesima trasmissione dedicata alla comicità, stavolta c’è una gara ad eliminazione per far emergere qualche talento che vale la pena sostenere, ma i colpi da sparare sono sempre gli stessi, battute, monologhi ed esibizioni, con un paio di giurie – di cui una vipparola – a decretare fallimenti e successi e una manciata di esibizioni di altri vip devoti alla comparsata ed artisti musicali giusto per frammentare il ritmo. C’è l’atmosfera e il panorama suggestivo della cornice del Lago di Garda. C’è una storia importante alla quale sono stati consegnati artisti e cabarettisti come Panariello e Giusti, spuntati proprio da questo palco qualche lustro fa. Ci sarebbero i presupposti per assicurare un buon risultato. Se si registrasse una fragorosa disfatta, Ossini sospirerebbe ossigeno, cavalcando sull’elicottero le praterie irsute delle campagne italiane, fregandosi le mani di un massacro al qualè è miracolosamente sfuggito.